Il datore di lavoro assume il ruolo di RSPP

rspp-datore-lavoro

Il datore di lavoro, secondo la definizione dell’articolo 2 del Decreto Legislativo 81/08, è “il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l’assetto dell’organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell’organizzazione stessa o dell’unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa”. In riferimento al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, il datore di lavoro entra in contatto diretto con l’RSPP e, in alcuni casi specifici, l’RSPP è il datore di lavoro.

L’articolo 34 si riferisce, appunto, allo “svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi”. La “capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni” vengono definiti dall’articolo 32, mentre l’articolo 33 stabilisce i “compiti del servizio di prevenzione e protezione”.

Datore di lavoro come RSPP

Il datore di lavoro, come detto, può svolgere direttamente il ruolo di RSPP (insieme a quello di primo soccorso e prevenzione incendi). Nel caso di aziende fino a 5 lavoratori, il datore di lavoro “svolgere direttamente i compiti di primo soccorso, nonché di prevenzione degli incendi e di evacuazione, anche in caso di affidamento dell’incarico di responsabile del servizio di prevenzione e protezione a persone interne all’azienda o all’unità produttiva”.

Il datore di lavoro che intende svolgere i compiti del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione ha l’obbligo di seguire un corso di formazione della durata minima di 16 ore e massima di 48 ore, in riferimento alla natura dei rischi presenti nel luogo di lavoro dove intende svolgere la sua funzione. Il contenuto del corso di formazione deve seguire quanto indicato in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. Infine, il datore di lavoro è tenuto a frequentare anche corsi di aggiornamento.

Capacità e requisiti dell’RSPP

Le capacità e i requisiti dell’RSPP devono essere adeguati alla natura dei rischi presenti nei luoghi di lavoro. Il datore di lavoro che intende essere RSPP deve avere almeno un diploma di scuola superiore, insieme all’attestato rilasciato in seguito alla frequenza di corsi di formazione. Può svolgere la funzione di RSPP anche coloro che non hanno un diploma di scuola superiore ma hanno svolto la medesima funzione per almeno sei mesi.

L’RSPP è tenuto a seguire corsi di formazione e di aggiornamento e le competenze acquisite saranno registrate nel libretto formativo del cittadino.

Compiti dell’RSPP

Chi svolge la funzione di RSPP è tenuto a individuare i fattori di rischio, a effettuare la valutazione del rischio e a individuare le misure per la sicurezza degli ambienti di lavoro. Inoltre, deve elaborare delle procedure di sicurezza per le diverse attività aziendali e proporre programmi di formazione e informazione per i lavoratori. Infine, partecipa alla riunione periodica.

L’RSPP è tenuto al segreto in merito a ciò di cui è venuto a conoscenza grazie alla sua funzione.

Novità e annunci del settore

CONTATTO RAPIDO

Messaggio:

Termini e condizioni d'uso