Quali requisiti deve avere un RSPP per svolgere le sue funzioni

I requisiti dell'RSPP

La normativa sulla sicurezza sul lavoro delinea le caratteristiche ben precise che il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione deve avere per svolgere il suo lavoro correttamente. I requisiti dell’RSPP sono definiti nel Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro da alcuni articoli ben precisi che disciplinano i diversi aspetti relativi a questa figura cosi importante nel panorama della gestione della sicurezza in un luogo di lavoro. Quindi mentre l’articolo 32 del DLgs 81 definisce i requisiti del responsabile, altri articoli ne determinano le basi della formazione, inoltre vi sono poi ulteriori norme che disciplinano la relazione tra la figura del datore di lavoro e la sua interconnessione con il ruolo di RSPP.

La figura dell’RSPP viene designata dal datore di lavoro che secondo quanto previsto dall’art.17 comma 1, lettera b, D.Lgs 81/08 non può delegare tale obbligo. Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione deve avere un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore e deve seguire un apposito corso di formazione, da un minimo di 16 ore ad un massimo di 48 ore in base al livello di rischio, e un corso aggiornamento per RSPP, al fine di ricevere una formazione adeguata sulla base della normativa vigente e della natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro.

Tutti gli obblighi e le incombenze del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, nonché i relativi compiti, possono essere svolti anche dal datore di lavoro a condizione che anche quest’ultimo abbia conseguito idonea formazione e risponda ai requisiti necessari.

Articolo 32: i requisiti del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

L’Articolo 32 (Capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni) definisce in otto comma i requisiti dell’RSPP, la normativa si sofferma in modo particolare nell’aspetto formativo di questa figura, ma le specifiche di un RSPP sono anche tecniche e gestionali:

  • I requisiti professionali di un RSPP interno o esterno devono essere adeguati alle attività lavorative e alla tipologia di rischi presenti in azienda.
  • Un RSPP deve possedere un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore nonché di un attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a specifici corsi di formazione come previsto dalla normativa. Inoltre il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione deve essere in possesso di un attestato di frequenza per corsi sulla sicurezza sul lavoro inerenti i concetti di ergonomia, stress lavoro correlato, organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative e tecniche di comunicazione aziendale e di relazioni sindacali.
  • Quando il datore di lavoro decide di non ricoprire anche il ruolo di RSPP allora può scegliere di avvalersi di un RSPP esterno che soddisfi i requisiti di formazione e conoscenza dei fattori di rischio inerenti l’azienda presso cui dovrà esercitare il proprio ruolo di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione esterno.

Anche quando un datore di lavoro sceglie di affidarsi ad un RSPP esterno ha comunque l’obbligo di organizzare un servizio di prevenzione e protezione adeguato per i propri dipendenti.

Novità e annunci del settore

CONTATTO RAPIDO

Messaggio:

Termini e condizioni d'uso